Il mercato azionario spiegato con la Teoria dei Giochi

DSCF2561Al Caffè Scienza si è parlato di come la Teoria dei Giochi possa aiutare a comprendere alcuni aspetti di situazioni complesse, quali il mercato azionario, utilizzando opportuni modelli che li rappresentano schematicamente e in maniera semplice. In particolare, riferendosi ad un gioco noto come “Beauty Contest” (Concorso di bellezza), si è visto come la borsa non richieda di scegliere le azioni migliori, ma quelle che la maggior parte degli operatori considereranno le migliori.

Il gioco proposto prende nome dal concorso utilizzato negli anni ’40 e ’50 per la campagna pubblicitaria della Liebmann Breweries produttrice della birra “Rheingold” e che chiedeva di votare la ragazza più bella, tra alcune indicate su un’apposita scheda, che si sarebbe poi fregiata del titolo di “Miss Rheingold”. Per incentivare la partecipazione dei clienti c’era anche un premio che veniva sorteggiato tra tutti coloro che indicavano il nome della ragazza vincitrice. Pertanto i consumatori della birra avevano due obiettivi non necessariamente coincidenti: il primo era quello di far vincere la ragazza che ritenevano più bella e il secondo era quello di vincere il premio. Nel secondo caso infatti era necessario indicare il nome della ragazza che secondo la maggioranza dei votanti era la più bella, in modo da entrare tra i nominativi ammessi al sorteggio.

Ritornando al mercato azionario, è facile osservare come il primo obiettivo corrisponda a quello di decidere quali azioni siano le migliori, mentre il secondo equivale a quello di scegliere le azioni che verranno ritenute le migliori e quindi verranno acquistate con un conseguente aumento del loro valore.

DSCF2576La Teoria dei Giochi offre anche un altro spunto interessante, i cosidetti “Minority games” o giochi di minoranza, in cui il risultato migliore si ottiene facendo la scelta della minoranza, il cui esempio più noto è quello del Problema del Bar El Farol di Santa Fè. In questo caso se il numero di clienti non è troppo alto lo spettacolo è piacevole, mentre se il bar è troppo affollato sarebbe meglio essere tra quelli che sono rimasti a casa. Questa situazione si può applicare al mercato azionario per scoraggiare i comportamenti imitativi, cioè di comprare nei momenti di euforia e di vendere nei momenti di crisi.

DSCF2568La Teoria dei Giochi nasce nel 1944 con la pubblicazione del libro Theory of Games and Economic Behavior del matematico John von Neimann e dell’economista Oskar Morgenstern. Lo scopo dei due scienziati era di studiare, partendo da modelli matematici sviluppati per alcuni classici giochi quali il poker e gli scacchi, il comportamento nelle situazioni economiche di interazione strategica, quelle cioè il cui esito dipende dalle scelte fatte da tutti i decisori coinvolti.

Materiale sulla Teoria dei Giochi presentato al Caffè Scienza

Prof. Vito Fragnelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...