Paradossi in matematica e dintorni

121230295_fragnelliLunedì 1° febbraio dalle 17,30 alle 19
Associazione Cultura e Sviluppo
piazza De Andrè 76, Alessandria
La partecipazione è libera e gratuita

L’espressione “è matematico” sottintende che non vi sono dubbi o imprecisioni su quello di cui si parla. Ma anche la matematica presenta situazioni apparentemente illogiche, i cosiddetti paradossi. Un esame più attento rivela però che questi derivano da come ci si pone davanti alla questione. Un esempio molto semplice è costituito da un sistema elettorale maggioritario in cui un partito che riceve meno voti può ottenere più seggi: questo sembra illogico, ma basta considerare che la corrispondenza tra voti e seggi è la caratteristica propria dei sistemi elettorali proporzionali, per cui scegliendo un sistema non proporzionale ci si espone a queste situazioni. Insomma, la matematica “è matematica”.

Vito Fragnelli, professore associato all’Università del Piemonte Orientale, si occupa di Teoria dei Giochi, una disciplina che si colloca tra la matematica e l’economia; ha lavorato su applicazioni a problemi reali in vari ambiti: sistemi elettorali, gestione sanitaria, localizzazione di mezzi di emergenza, trasporti pubblici, ripartizione dei costi nei consorzi per i rifiuti urbani, tariffazione idrica, allocazione di risorse insufficienti, assicurazioni, aste, gestione dei musei.

La bellezza della Borsa

Lunedì 26 gennaio dalle 17,30 alle 19
Associazione Cultura e Sviluppo
piazza De Andrè 76, Alessandria
La partecipazione è libera e gratuita

121230295_fragnelliA volte meccanismi molto complessi come quello del mercato azionario possono essere resi più chiari grazie a semplici strumenti. Nel Caffè Scienza di lunedì 26 gennaio verrà proposta una variante di un gioco, noto come “Concorso di bellezza”, che permetterà di esaminare alcuni aspetti della borsa da un punto di vista matematico, con riferimenti al contributo di John Maynard Keynes.

Il relatore sarà Vito Fragnelli, professore associato presso l’Università del Piemonte Orientale; si occupa di Teoria dei Giochi, una disciplina che si colloca tra la matematica e l’economia; ha lavorato su applicazioni a problemi reali in vari ambiti: sistemi elettorali, gestione sanitaria, localizzazione di mezzi di emergenza, trasporti pubblici, ripartizione dei costi nei consorzi per i rifiuti urbani, tariffazione idrica, allocazione di risorse insufficienti, assicurazioni, aste, gestione dei musei.